MANFREDI, Girolamo

Libro intitolato il Perche. Tradotto di latino in volgare... Con la dichiaratione della virtù d'alcune herbe.

In Venetia, appreso Ghirardo Imberti, 1629.

in-8 (mm 154x95), pp. (32, bianca la carta b8), 314, (2). Conservata la carta bianca V6, mancano le ultime due bianche. Marca tipografica, incisa su legno, al frontespizio. Iniziali ornate silografiche. Legatura ottocentesca in cartonato azzurro; al dorso, titolo vergato su tassello cartaceo. Bell'edizione secentesca che testimonia la straordinaria fortuna dell'operetta del medico e astrologo bolognese, apparsa originariamente in latino - con il titolo di Liber de homine - nel 1474. Ristampato ancora nell'Ottocento, l'enciclopedico trattato vuol mostrare “le cagioni d'infinite cose, appartenenti alla sanità”, e nel primo libro affronta, più in particolare, questioni legate alla dietetica e alla alimentazione, fornendo ad esempio succinte e chiare risposte al ‘perchè nel verno si mangia cibi grossi, e di più nutrimento', o ‘perchè nuoce a mangiare latte con cose acetose overo con pesce'. Bell'esemplare, in barbe, usuali lievi fioriture.

Westbury 143; Paleari Henssler 460; B.IN.G. 1123 nota.
€ 480